Investigazioni private e violazione della privacy: cosa dice la normativa?

Investigazioni private e violazione della privacy: l’attività di spionaggio

Lo spionaggio è un’attività che è sempre stata esercitata dall’uomo. La storia, infatti, è ricca di vicende esemplari che, a volte, per la loro fama, si sono tramandate fino ai nostri giorni. In tempi recenti, lo spionaggio si è diffuso anche in ambiti diversi da quelli tradizionalmente conosciuti.

Mentre in passato, tale attività era praticata quasi esclusivamente per affari di Stato che coinvolgevano personale addestrato come, ad esempio, gli agenti segreti, ai nostri tempi, lo spionaggio viene praticato anche in altri ambiti, tra cui quello lavorativo e nelle relazioni tra coniugi.

La diffusione del fenomeno dello spionaggio ha visto nascere delle agenzie specializzate in investigazioni private. Si tratta di realtà organizzate formate da professionisti che, grazie all’ausilio di apposite apparecchiature tecnologicamente avanzate, compiono delle indagini per conto di clienti che hanno interesse a far controllare determinate persone.

La prima domanda che ci si pone riguarda le investigazioni private e la violazione della privacy. Qui di seguito si riportano alcuni esempi di investigazioni private effettuate nel rispetto della privacy: un datore di lavoro può rivolgersi a un’agenzia investigativa per controllare i movimenti di un dipendente che risulta malato e che, invece, viene fotografato mentre esce di casa, compiendo varie attività che esulano dal contesto della malattia.

Un altro esempio è quello di un marito che incarica un’agenzia per controllare i movimenti della moglie, perché sospetta di essere tradito.

Infine, si può citare il caso di un’azienda che incarica un’agenzia perché sospetta che un suo collaboratore svolga attività di spionaggio industriale.

Oltre agli esempi sopra indicati, l’attività di spionaggio viene eseguita anche quando un creditore vuole conoscere le reali consistenze patrimoniali di soggetti debitori al fine di procedere al pignoramento dei beni.

Attività investigativa e limitazioni

Lo spionaggio eseguito a livello professionale viene eseguito con diverse modalità. In pratica, le investigazioni private e la violazione della privacy non devono mai entrare in conflitto tra di loro.

Il lavoro di indagine, oltre al classico metodo di pedinamento, prevede anche attività svolte con sistemi informatici allo scopo di conoscere dati sensibili.

Per regolamentare la materia relativa alle investigazioni private e la violazione della privacy, il Garante ha emanato un codice deontologico per le società di spionaggio. Tra le particolarità dell’attività di spionaggio è interessante sapere che nel nostro Paese non esiste il reato di pedinamento e quindi è possibile spiare una persona nella quotidianità, senza però creare nel soggetto spiato una condizione di ansia e di paura per la propria sicurezza.

In tal caso, si configura il reato di molestia che potrebbe anche tramutarsi in stalking, se il comportamento si protraesse nel tempo. A tal proposito, una sentenza della Cassazione ha stabilito che si può spiare una persona anche mediante pedinamento, in un luogo pubblico come una strada o un parco, perché non esistono norme che lo vietino o che tutelino la privacy contro tali invadenze, ma sempre e solo a condizione di non essere visti o, comunque, di non far sentire minacciata o importunata la persona pedinata.

Non è tuttavia possibile pedinare una persona nella sua dimora o nei luoghi ad essa adiacenti quali il garage, il giardino, ecc.. Il soggetto che si rende conto di essere stato pedinato non può denunciare il fatto, se tale comportamento non è più in corso di svolgimento.

Per avere dei riscontri a livello penale, il pedinamento deve sconfinare nel reati di molestia o addirittura di stalking, incutendo nel soggetto spiato ansia o timore per la propria incolumità.

Un esempio di investigazioni private e violazione della privacy è quello di registrare una conversazione senza essere presenti. In pratica, non si può spiare una persona lasciando un registratore acceso in auto, in casa, sul lavoro o in qualsiasi altro posto.

Invece è consentito spiare un soggetto attraverso la posta elettronica, senza però intervenire su dispositivi quali telefoni o personal computer, così come si può spiare una persona assumendo delle informazioni da altri soggetti. Non si può invece diffondere a terzi il contenuto di dati personali del soggetto pedinato: ad esempio, il dipendente di una società investigativa non può rivelare ai vicini di casa, che sta indagando per un presunto tradimento o per ricercare la residenza di una persona sommersa dai debiti.

In conclusione, si può affermare che la privacy attualmente viene tutelata dalla legge, ma non integralmente, come si evince dalla normativa in vigore. Tuttavia, in caso di processo a carico del soggetto spiato, non vi è la certezza che le prove documentali e fotografiche raccolte a suo carico, siano sempre considerate valide, in quanto lo stesso soggetto ha la possibilità di contestarle.

Investigazioni private_la normativa della privacy
AGENZIA INVESTIGATIVACertificata

Lynx è un’agenzia investigativa certificata attiva dal 2010.

È specializzata nelle investigazioni private e aziendali ed opera attraverso una propria rete di investigatori privati qualificati.

È un’agenzia investigativa regolarmente autorizzata dalla Prefettura a svolgere investigazioni private in tutta Italia.

LOGHI CERTIFICATI
CONSULENZE GRATUITEInvestigazioni Italia

Il tuo caso sarà trattato con la massima riservatezza dai nostri Investigatori

10 ANNI DI ESPERIENZA

Operiamo attraverso tecnologie investigative all’avanguardia della tecnologia

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato sui nostri prossimi articoli, eventi e promozioni speciali!

Grazie per esserti iscritto alla Newsletter di Lynx Investigation!